Il fugante viene utilizzato per “riempire” le fughe. Queste sono definite come gli spazi tra piastrelle oppure tra tessere di un mosaico, che devono venire stuccate con appositi prodotti; le loro dimensioni sono variabili, così come il tipo di materiale impiegato.
Dopo la posa delle mattonelle ed in rapporto alle loro dimensioni ed alla geometria del pavimento, è necessario definire lo spessore delle fughe ed il tipo di sigillante da impiegare.

Che cosa sono le fughe

Le fughe devono creare continuità tra gli elementi del rivestimento, per garantire prestazioni ottimali di resistenza chimica, fisica e meccanica; le mattonelle possono essere alloggiate a “giunto minimo”, con uno spessore che non superi i 2 millimetri, oppure a “giunto aperto”, con spessore di oltre 2 millimetri. Nel primo caso gli elementi presentano bordi nettamente squadrati ed il pavimento ha caratteristiche di estrema uniformità; nel secondo caso invece le piastrelle sono dotate di bordi irregolari, ed è visibile la struttura geometrica tra spazi ed elementi, con evidente discontinuità di tutta la superficie.
Spesso si crede che le fughe strette offrano maggiori garanzie igieniche in quanto l’esiguità dello spazio tra piastrelle impedisce la moltiplicazione di batteri ed altri agenti inquinanti; in realtà lo spazio limitato può condizionare le regolari operazioni di pulizia.

Quali sono i principali tipi di fugante

I fuganti per piastrelle che solitamente vengono utilizzati sono malte di vario tipo, e precisamente:

  • cementizie;
  • monocomponenti;
  • epossidiche.

Le fughe cementizie vengono impiegate nell’edilizia pubblica ed in quella residenziale sia per esterni (balconi, terrazze, piscine), sia per interni (bagni, cucine ed altre stanze). In genere sono molto assorbenti e presentano notevoli difficoltà per la pulizia poiché tendono ad accumulare sporcizia che funge da substrato alla proliferazione di muffe e microrganismi. Inoltre tendono a variare colore in breve tempo subendo efflorescenze e variazioni cromatiche piuttosto evidenti. D’altra parte hanno un costo contenuto e vengono preferite in caso di pavimentazioni rustiche.

Le fughe epossidiche sono progettate per incrementare resistenza verso agenti chimici particolarmente aggressivi ed igienicità, per ambienti industriali del settore alimentare o farmaceutico. Le più attuali tendenze usano tali fuganti anche nel settore residenziale, per i loro requisiti estetici e tecnologici particolarmente perfezionati, infatti la stuccatura epossidica è idrorepellente, facilmente lavabile, batteriostatica e ostacola la proliferazione di microrganismi e muffe.
Essendo caratterizzati da prestazioni resistenti all’umidità, tali fuganti vengono applicati anche nei rivestimenti per esterni come piscine, aree wellness e vasche con acqua termale.
Solitamente i fuganti per esterno di tipo epossidico associano la proprietà collante a quella sigillante e riempitiva per fughe che lo richiedono.

Il fugante monocomponente è un prodotto pronto all’uso che può essere utilizzato più volte per applicazioni a pareti sia esterne che interne oppure a pavimenti soltanto per interni.
Trova impiego prevalentemente per piastrelle in ceramica o mosaici in vetro, che devono essere spaziati con dimensioni comprese tra 1 e 6 millimetri.

Che cos’è lo stucco per fughe

Nella progettazione di un rivestimento a parete oppure a pavimento, risulta di particolare importanza il risultato estetico finale.
Utilizzando stucco per fughe, ci si assicura notevoli prestazioni dal punto di vista della resistenza meccanica e chimica verso sostanze di vario tipo; inoltre questo prodotto è dotato di un’estrema facilità di applicazione e può essere pulito molto agevolmente.
Una particolare caratteristica dello stucco per fughe è quella di resistere alle variazioni di temperatura, e pertanto trova impiego nella posa di pavimenti riscaldanti, ad esempio all’interno di box doccia o in prossimità di piani cucina. Per rivestimenti esterni è indicato per pavimentazioni di terrazze, balconi e per rivestimenti di piscine.
Infine può essere utilizzato in zone soggette a forti sollecitazioni meccaniche come ambienti industriali di passaggio di carrelli trasportatori e macchinari di vario tipo.
Lo stucco per fughe può essere personalizzato scegliendo diverse tonalità cromatiche in funzione del colore delle piastrelle.

Se hai bisogno di acquistare un fugante di qualità, visita la sezione dedicata nel nostro shop: Materiali Edili: Fuganti